Agrigento, scarcerati Curaba e Spataro

Agrigento, scarcerati Curaba e Spataro

8 155

Il giudice Evelinda Marfia ha scarcerato l’impiegato ai Beni Culturali della città dei Templi, Gaetano Spataro, 54 anni, (candidato a consigliere comunale nell’ultima tornata elettorale), e l’operaio Settimio Curaba, 61 anni, entrambi di Agrigento, arrestati dai carabinieri la notte di sabato con l’accusa di tentato furto nella sagrestia della chiesa Santa Croce, nell’omonima salita, in pieno centro storico. A Spataro e Curaba è stato applicato l’obbligo di firma giornaliera. Nel corso dell’interrogatorio per la convalida degli arresti, i due agrigentini, difesi dall’avvocato Daniele Re, hanno respinto le accuse, parlando di un malinteso. Secondo i militari dell’Arma, invece, Spataro e Curaba, dopo avere scassinato la porta di legno della chiesa, si erano impossessati di paramenti sacri ricamati e alcuni candelabri in oro. L’arresto in flagranza di reato.

8 Commenti

  1. è questa sarebbe la giustizia? poi non lamentiamoci se in italia ognuno fa cio’ ke vuole, tanto sa ke dopo un ora viene scarcerato……………ridicoli

  2. Ma per favore!!!! Giustizia di merda…… SIETE DELLE COSE INUTILI……….. ITALIA Di MERDE VIVENTI……POPOLATA DA GENTE CACASOTTO E SENZA PALLE……… V E R G O G N A A A A A A A ,!!!

Lascia un commento