Droga, blitz "Last Trp 2": scarcerata Ioana Jugaru

Droga, blitz "Last Trp 2": scarcerata Ioana Jugaru

0 48

Torna in libertà la cittadina rumena Ioana Jugaru, 52 anni, residente da tanti anni a Campobello di Licata, arrestata nel blitz antidroga denominato “Last Trip 2″ condotto dai carabinieri della Compagnia di Cefalù, con il coordinamento della Dda di Palermo. A decidere per la scarcerazione della donna è stato il Tribunale del Riesame di Palermo , che ha accolto il ricorso del legale difensore dell’indagata, l’avvocato Gero Lo Giudice. I giudici del riesame hanno annullato l’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip di Palermo Aiello, a carico della rumena, per carenza di “gravi indizi di colpevolezza”. Jugaru è accusata di associazione per delinquere finalizzata al traffico, detenzione, vendita e cessioni di sostanze stupefacenti. Gli altri agrigentini coinvolti nell’inchiesta, nei giorni scorsi lo stesso Tribunale della Libertà accogliendo l’istanza di scarcerazione proposta dall’avvocato Salvatore Manganella, aveva scarcerato il campobellese Giuseppe Melluzza, manovale di 23 anni. Per il giovane è stata annullata l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’accusa di associazione a delinquere è stata annullata anche nei confronti di Calogero Termini, 28 anni, che ha ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari. Resta in carcere Salvatore Termini, 55 anni, padre di Calogero, su cui pende l’imputazione di detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti.

Nessun Commento

Lascia un commento