Mafia, blitz "Maginot": Maurello e Perricone tornano in libertà

Mafia, blitz "Maginot": Maurello e Perricone tornano in libertà

Aula di Tribunale

I giudici del Tribunale della Libertà di Palermo hanno annullato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere notificata a Giuseppe Maurello, 43 anni, di Lucca Sicula, e ad Antonino Perricone, 42 anni, di Villafranca Sicula, nell’ambito dell’operazione antimafia denominata “Maginot” dell’11 luglio dello scorso anno. Il blitz consentì di sgominare una fitta rete di fiancheggiatori dell’ex capo di Cosa Nostra agrigentina Giuseppe Falsone. I due, al termine del processo celebrato con il rito abbreviato, sono stati condannati in primo grado a 2 anni e 8 mesi di reclusione per tentata estorsione.

Articoli Similari

0 503

1 Commento

Lascia un commento